Cosa vedere a Lucca e dintorni

Cosa vedere a Lucca e dintorni in 3 giorni tra arte e natura

Condividi:

Mura cinquecentesche che racchiudono la città e regalano belle viste; palazzi medievali e chiese piene di arte e fascino; il retaggio romano che si vede ancora dalle strade perpendicolari. Sembra che sto parlando della mia Bergamo e invece qui regna la semplice eleganza toscana: siamo a Lucca! La storia unica che l’ha lasciata indipendente per secoli ha forgiato il carattere orgoglioso e campanilista dei lucchesi, che emerge con le feste tradizionali come Santa Zita e le diffusione dei prodotti tipici come il buccellato. Forse questa chiusura dentro le mura li ha resi pure introversi, ma ha conservato la forte identità cittadina; perciò è una delle città più belle ed autentiche della Toscana. Una città viva, come dimostrano i tanti eventi a partire dal Lucca Summer Festival e Lucca Comics. Secondo me molti la sottovalutano, dedicandogli una rapida sosta; ma la città di Puccini e della Torre Guinigi merita di essere visitata con calma: io ho deciso di fermarmi due giorni, più un altro per ammirare alcune meraviglie della provincia di Lucca come la Villa Reale di Marlia. Ecco la mia esperienza e il mio itinerario su cosa vedere a Lucca e dintorni in 3 giorni.

  1. Storia di Lucca
  2. Come arrivare e come organizzarsi
  3. Primo giorno a Lucca
  4. Secondo giorno a Lucca
  5. I dintorni di Lucca
  6. Conclusioni

Cosa vedere a Lucca e dintorni

Continua a leggere “Cosa vedere a Lucca e dintorni in 3 giorni tra arte e natura”

Condividi:
Cosa fotografare a Barcellona

Cosa fotografare a Barcellona: le 20 foto più instagrammabili

Condividi:

Visitando per la prima volta alcune città te ne innamori… per sempre! Così è stato per me con Barcellona in Catalogna; ci sono stato già 3 volte e non vedo l’ora di tornarci. I colori, l’atmosfera, il clima, l’architettura, le tradizioni, il genio di Gaudí… tutto mi piace di Barcellona, è la città più bella della Spagna (per me). Ma cosa vedere a Barcellona? Cosa fare a Barcellona? C’è tantissimo e i giorni non bastano mai: del resto qui è impossibile annoiarsi. Io però voglio parlare di cosa fotografare a Barcellona, ovvero le 20 foto più scattate e pubblicate sui social… quelle più instagrammabili!
Sono i luoghi di interesse di Barcellona più importanti; foto meravigliose assicurate. Lo dico subito che non ho messo il Barcellona squadra di calcio, ma anche quello ci poteva stare. Spero di farti scoprire posti sorprendenti: ecco le 20 foto da fare a Barcellona.

cosa fotografare a Barcellona

Continua a leggere “Cosa fotografare a Barcellona: le 20 foto più instagrammabili”

Condividi:
Cosa vedere a Bergamo Alta

Cosa vedere a Bergamo Alta in 2 giorni (che ti sorprenderanno)

Condividi:

Ho viaggiato molto e descritto tante città, ma ne ho una bellissima vicina a me, la mia Bergamo, da poco dichiarata Patrimonio Unesco per le Mura Venete che l’abbracciano. È divisa in due parti: la Città Bassa moderna e la Città Alta, un cuore medievale/rinascimentale che sorprende, lasciando senza parole chi la visita per la prima volta. Anche perché Bergamo Alta è arricchita da capolavori rinascimentali inaspettati e punti panoramici eccezionali! Le Corbusier l’ha definita la città più bella del mondo! È assolutamente da vedere: lo dico soprattutto agli italiani che la sottovalutano; tra le vie invece trovi tanti turisti internazionali.
Vieni con me alla scoperta delle bellezze, dei segreti e di quello che non puoi perderti: ti racconto cosa vedere a Bergamo Alta in due giorni.

  1. Storia di Bergamo
  2. Come raggiungere Bergamo Alta
  3. Città Alta in un giorno
  4. Il secondo giorno a Bergamo Alta
  5. Le gemme nascoste di Città Alta
  6. Cosa e dove mangiare
  7. Conclusioni

cosa vedere a Bergamo Alta

Continua a leggere “Cosa vedere a Bergamo Alta in 2 giorni (che ti sorprenderanno)”

Condividi:
Un giorno in Alta Val Tanaro

Un giorno in Alta Val Tanaro tra Ceva e Ormea

Condividi:

Ho già raccontato il mio tour nelle Langhe, Monferrato e Roero. Non era completo: è durato un giorno in più, andando oltre rispetto a Camerana e Castelnuovo di Ceva. Infatti abbiamo fatto una bellissima escursione in Piemonte, trascorrendo un giorno in Alta Val Tanaro, dove le colline dolci e piene di vitigni delle Langhe sono già un ricordo. Il paesaggio è montuoso e la Liguria è praticamente ad un passo; ma pure la Francia è molto vicina. È stato un punto di passaggio chiave nei secoli: Napoleone attraversò questi territori nella 1° Campagna d’Italia dopo esser passato dal Col di Tenda. Quindi sono luoghi ricchi di storia e fascino, circondati dalla natura e dai monti, che da sempre risentono del mix culturale tra Liguria e Piemonte. Mi hanno sorpreso molto: ti racconto la mia giornata in Alta Val Tanaro tra Ceva e Ormea. 

  1. Il Rifugio la Pavoncella
  2. Ceva
  3. Pranzo al Rifugio Mongioie
  4. Ormea

Un giorno in Alta Val Tanaro

Continua a leggere “Un giorno in Alta Val Tanaro tra Ceva e Ormea”

Condividi:
Cosa vedere a Gromo

Cosa vedere a Gromo e la casa bergamasca di Babbo Natale

Condividi:

Dove passare una giornata fuori porta in Lombardia tra le montagne? A Gromo in provincia di Bergamo. Questo borgo della Val Seriana che domina il fiume Serio fu importantissimo nel Medio Evo; porta ancora le tracce della sua storia nei palazzi che vedi, ma ha mantenuto un’atmosfera tranquilla che lo rendono stupendo da visitare. Per tutto ciò è uno dei Borghi più belli d’Italia della Lombardia. Se dovessi consigliare quando visitare Gromo direi a dicembre, quando si trasforma nel borgo dei presepi e viene allestita la Casa Bergamasca di Babbo Natale, perfetta per far sognare i bambini che possono scrivere la loro letterina e poi consegnarla direttamente a Babbo Natale!
In questo articolo ti racconto cosa vedere a Gromo a Natale, compresa la Casa bergamasca di Babbo Natale.

  1. Storia di Gromo
  2. Cosa vedere a Gromo
  3. Pranzo al Ristorante Posta al Castello
  4. La Casa Bergamasca di Babbo Natale
  5. L’atmosfera serale
  6. Conclusioni

Gromo cosa vedere

Continua a leggere “Cosa vedere a Gromo e la casa bergamasca di Babbo Natale”

Condividi: