Viaggio in Egitto di 7 giorni

Viaggio in Egitto di 7 giorni: Cairo, Hurghada e Luxor

Condividi:

Una civiltà millenaria, raccontata in molti film. L’unica delle 7 meraviglie del mondo antico che ancora esiste. Poi il mistero magnetico dei geroglifici, che solo pochi esperti sanno leggere. Hai capito quale è è questo stato? Ovviamente l’Egitto, uno dei paesi più affascinanti del Mar Mediterraneo. Caotico e vibrante, è imperniato attorno al fiume Nilo, fin dall’antichità fonte di vita e via del paese. L’inverno e gennaio in particolare è il momento migliore per visitare l’Egitto, senza l’afa insopportabile dei mesi caldi. Io ci sono stato proprio a gennaio ed ho trovato mattine fresche, ma temperature ideali per godermi le tante meraviglie, storiche e naturali. Ti racconto il mio viaggio in Egitto di 7 giorni tra Il Cairo, El Fayoum, Hurghada e Luxor. Abbiamo visto piramidi, bazar tipici, moschee, i pesci della barriera corallina del Mar Rosso, i templi millenari degli Egizi… e molto altro. Viaggio indimenticabile e consigliatissimo!

  1. Arrivo al Cairo
  2. 2° Giorno: Il Cairo
  3. 3° Giorno: le piramidi
  4. 4º Giorno: El Fayoum
  5. 5º Giorno
  6. 6º Giorno: Hurghada
  7. 7° Giorno: Luxor
  8. Conclusioni

viaggio in Egitto di 7 giorni

Continua a leggere “Viaggio in Egitto di 7 giorni: Cairo, Hurghada e Luxor”

Condividi:
Salvador de Bahia cosa vedere

Salvador de Bahia: cosa vedere e fare in 4 giorni

Condividi:

Ci sono luoghi che ti rimangono dentro. Magari li hai visitati anni fa, ma sembra ieri. Ricordi gli angoli, i colori, ma pure i profumi e i suoni! È ciò che è successo a me a Salvador de Bahia, coloratissima città del nord-est del Brasile (da non confondere con El Salvador, stato del centro America). Fu la prima capitale del Brasile, per cui ha un meraviglioso stile coloniale e barocco che l’hanno resa sito Patrimonio Unesco. Ma in un viaggio in Brasile vedi tantissime meraviglie, naturali e culturali; ciò che rende unica Salvador è il mix culturale unico, fatto della fusione tra la cultura europea e quella africana degli schiavi importati per lavorare nelle piantagioni. La cultura afro-brasiliana è vivissima, apprezzabile nella religione Candomblé e nella capoeira, oltre nei vestiti delle donne baiane. In questo articolo ti racconto cosa fare e vedere a Salvador de Bahia in vacanza.

  1. Introduzione
  2. Storia di Salvador de Bahia
  3. Come organizzarti per visitare Salvador
  4. Cosa vedere a Salvador de Bahia
  5. Secondo giorno di visita a Salvador
  6. Conclusioni

Continua a leggere “Salvador de Bahia: cosa vedere e fare in 4 giorni”

Condividi:
Vacanza Brasile Ceará

Vacanza in Brasile nel Ceará: Fortaleza e spiagge da sogno

Condividi:

Qualche anno fa ho avuto la fortuna e la pazzia di andare a visitare il Brasile, partendo da solo. È vero, avevo qualche conoscenza brasiliana che mi ha accompagnato nei miei viaggi (ed è stata di grande aiuto). Certamente sono stati tra i viaggi più belli della mia vita. Ho visitato posti meravigliosi: alcuni super turistici, altri per niente; ma soprattutto ho girato con le modalità dei brasiliani; per cui niente taxi e pochi hotel nelle zone dei turisti. Ho pure vissuto pure in una casa nella favela di Fortaleza! Insomma è stata un’esperienza indimenticabile ed eccezionale. Ti voglio raccontare cosa ho visto in Brasile partendo dallo stato del Ceará con capitale Fortaleza, piccolo ma dalla grande vocazione turistica; qui ci sono alcune delle spiagge più belle del mondo con dune dorate sabbiose e dune buggy per muoversi, oltre a infinite attività per divertirsi. Insomma la vacanza in Brasile è da sogno!

  1. Introduzione
  2. Fortaleza
  3. Le spiagge del Ceará
  4. Conclusioni

Continua a leggere “Vacanza in Brasile nel Ceará: Fortaleza e spiagge da sogno”

Condividi:
Qual è il momento magico di Marrakech? Certamente il tramonto, quando si può ammirare la città cambiare colori sorseggiando un te alla menta da una terrazza sopra la frenetica piazza Jamaa El Fna

Marrakech: cosa vedere nella Città-Giardino del Marocco

Condividi:

Una sarabanda di colori, profumi e sapori; un intricato labirinto di negozi artigianali e palazzi da mille e una notte con giardini lussureggianti; una metropoli cosmopolita dove oriente e occidente convivono. Tutto questo è Marrakech, una città da visitare almeno una volta nella vita!

Cosa vedere a Marrakech? Di certo la Koutoubia, capolavoro arabo-moresco
I giardini che circondano la Koutoubia, simbolo di Marrakech

Tutte le sfumature di ocra del deserto finché non compaiono le macchie verdi: ecco Marrakech, la Città Giardino; dall’aereo si riconoscono bene i tantissimi ulivi, disposti su linee geometriche. Poi arriva la città: le case sono basse e squadrate, come fossero dei mattoncini di lego; un’enorme distesa a perdita d’occhio di edifici rossi, alti uguali, con le torri dei minareti che svettano sopra ai tetti. Lo si nota bene atterrando.
Prendo l’autobus e passa accanto a lussureggianti hotel, poi in un vialone con tanti semafori; ad ogni incrocio dromedari pronti per un giro! In fondo spunta il minareto della moschea Koutoubia – simbolo di Marrakech – che si erge tra le palme, nel verde. Scendo lì vicino, all’ombra di un giardinetto con persone sulle panchine, mentre altre si avvicinano per venderti qualcosa, seguendoti tra le carrozze di cavalli in attesa (non profumatissimi). Siamo in Piazza Jamaa El Fna: un’enorme distesa irregolare colma di gente, bancarelle, insegne e profumi, con palazzi a delimitarla; all’inizio questa moltitudine ti disorienta!
Chiedo indicazioni e un uomo gentilmente si offre di accompagnarmi, ma continuando a camminare nel Souk affollato ho capito che non era un favore… infatti mi ha chiesto 100 dirham! Contrariato, gliene ho dati 50 per tagliare corto. Però mi ha fatto risparmiare tempo: il Souk infatti è un dedalo di strade in cui è facile perdersi.
Ma anche questo è il fascino di Marrakech in Marocco!

  1. Indicazioni utili
  2. Cenni di storia
  3. 1° Giorno
  4. 2° Giorno
  5. 3° Giorno
  6. Conclusioni

Marrakech cosa vedere

Continua a leggere “Marrakech: cosa vedere nella Città-Giardino del Marocco”

Condividi: