Intervista a Diana Bancale, travel blogger sempre in viaggio

Condividi:

Una giramondo bionda, allegra, dolce ed educata. Ma soprattutto una ragazza che senza mare non riesce a stare! Questa è Diana Bancale, una delle più importanti travel blogger italiane, nata a Napoli prima di partire per studiare all’università a Parma; e da lì non si è più fermata! Dopo gli anni in Emilia è divenuta dal 2014 una giornalista pubblicista, blogger di viaggi e content creator. È una dei tanti lavoratori da remoto (detti nomadi digitali), a cui basta solamente il computer portatile ed una connessione internet… e magari il mare vicino. Perciò vive a Tenerife da 3 anni (beata lei!). Ma il mondo è il suo ufficio!
In particolar modo Diana ama i viaggi in solitaria e le destinazioni calde e tropicali, tra spiagge e palme. Viaggia spinta da una grande curiosità di conoscere posti nuovi e culture diverse. Al contrario di me, più vede diversità da quello a cui è abituata, più ne è attratta. Però da brava napoletana, in viaggio non riesce a rinunciare alla pizza.
Conosciamo Diana Bancale con l’intervista che le ho fatto.

Diana Bancale intervista

  1. Diana, come è cominciato tutto?

    Diana Bancale in viaggio a Nusa Penida Island, a Bali
    Diana a Nusa Penida Island, a Bali

    Quando ho iniziato a viaggiare da sola, la gente restava sempre molto sorpresa e incuriosita da tale scelta; a volte perfino incredula! Dato che mi piace più raccontare scrivendo che a voce, nel 2014 è nato il mio blog www.inviaggiodasola.com per spiegare questo mio modo di viaggiare. Quasi in contemporanea ho lasciato il mio lavoro fisso ed aperto anche i miei canali sui social networks, per condividere maggiormente e amplificare i contenuti. Una decina di anni fa in rete c’erano pochissimi siti che trattavano di viaggi in solitaria, quindi ho pensato che affrontare la tematica del viaggio in solitaria su un blog potesse essere interessante e utile a molti; anche a chi non ha mai provato questa esperienza! Così è nata la mia community di viaggiatori solitari.
    Ovviamente inizialmente il blog era un hobby; piano piano sono riuscita a renderlo il mio lavoro primario, con collaborazioni e viaggi retribuiti.

    Diana Bancale inviaggiodasola instagram travel influencer

  2. A chi è rivolto il tuo profilo Instagram?

    Diana Bancale con le ciaspole al Lago Santo in Emilia Romagna
    Diana con le ciaspole al Lago Santo in Emilia Romagna

    Come il nome del profilo svela già, mi rivolgo principalmente a donne con la passione per i viaggi; non per forza viaggiatrici solitarie, ma comunque curiose di scoprire il mondo. Vedendo i miei viaggi, mi piace pensare che chi sta pensando di fare il primo viaggio in solitaria può trovare la spinta per partire. Racconto i viaggi con la prospettiva di una donna viaggiatrice, però mi seguono anche uomini; chiunque è amante dei viaggi può trovare ispirazione sul mio profilo.
    Nelle foto e nei reels mostro più la bellezza dei posti che visito, facendo magari sognare con mete lontane e esotiche; nelle stories condivido con spontaneità e leggerezza il retroscena dei miei viaggi e della mia vita. Mi piace molto l’idea di trasmettere un po’ di spensieratezza a chi mi segue e magari strappargli un sorriso in una giornata noiosa.

    intervista a Diana Bancale inviaggiodasola

  3. Cosa cerchi nei tuoi viaggi?

    Diana Bancale in bikini in spiaggia alle Hawaii
    Diana in spiaggia alle Hawaii

    Probabilmente la molla principale che mi spinge a viaggiare è quella sensazione di vita piena, di libertà e di forza che provo quando viaggio, principalmente quando viaggio da sola. Sono molto curiosa. Quindi in giro mi piace notare e scoprire le differenze tra le persone: culturali, di linguaggio, nel modo di vivere… In particolare ascolto come parla la gente ed osservo come vive. Mi piace molto visitare le città: per me è come andare in un parco giochi, sono piene di stimoli!
    Cammino tanto a piedi perché mi piace perdermi in posti nuovi e vedere luoghi che magari non sono citati nelle guide turistiche.
    Poi come si nota facilmente dai miei contenuti, sono una grande amante dei paesi tropicali, delle spiagge e delle palme. Amo il caldo e la vita rilassata di questi posti: mi fa stare bene e mi ricarica.

     

  4. Come realizzi e scegli i tuoi soggetti fotografici/video?

    Diana in dune buggy a Sharm el-Sheikh
    Diana in dune buggy a Sharm el-Sheikh

    Così come è spontaneo il mio modo di viaggiare, similmente è spontaneo il mio modo di fotografare e fare video; rispecchia i miei gusti e quello che per me è bellezza. Dato che viaggio spesso in posti di mare, non posso resistere agli scorci in spiaggia, magari nascosti da una palma, oppure scene al tramonto col sole che cala sull’acqua. Perciò nella mia galleria vedi molto azzurro, ma anche racconti di itinerari cittadini e curiosità sui luoghi visitati. Trattandosi di un blog personale, spesso compaio anche io nelle foto: metterci la faccia crea una forte community, alla gente piace.
    Non ho un consiglio specifico perché ognuno di noi è diverso e vede il bello secondo criteri differenti. Quindi consiglio semplicemente di essere spontanei e fotografare quello che attira l’attenzione. Se abbiamo un pubblico al quale piacciono i nostri contenuti, probabilmente piacerà il nostro punto di vista particolare e unico.

     

  5. Qual è il viaggio dei tuoi sogni?

    Diana Bancale, travel blogger italiana in viaggio a Bali
    Bali, altra destinazione da sogno visitata da Diana

    Da appena un mese sono tornata da quello che era il viaggio dei miei sogni: la Polinesia Francese. Che luoghi incredibili che ho visto!
    Poi per un attimo mi sono sentita un po’ spaesata: avevo realizzato il mio sogno più grande. Per fortuna la mente corre veloce e ho già una lista di mete che mi incuriosiscono e che vorrei presto visitare. In cima c’è la Cina, un paese che conosco solo tramite telegiornali e luoghi comuni, ma che mi attira incredibilmente. La sua cultura pare così diversa dalla nostra: questo mi affascina moltissimo. Si tratta di uno di quei viaggi che desidero particolarmente fare da sola per avere la mente più libera, aperta e scevra da preconcetti; così potrò vivere in pieno questo paese.

     

  6. Che viaggi consigli?

    Diana Bancale in Corea del Sud davanti ad un tempio
    Diana in Corea del Sud davanti ad un tempio

    Ci sono tantissimi viaggi che consiglierei, tipo Vietnam e Filippine. Però se devo suggerire una meta che credo si adatti a differenti tipologie di viaggiatori, dico la Corea del Sud. Si tratta di un paese molto civile, ben organizzato e facile da girare. Estremamente sicuro anche per chi viaggia da solo e con una popolazione molto rispettosa; tra l’altro l’inglese è abbastanza diffuso e ben parlato. Lo consiglio perché hai modo di avvicinarti a questa affascinante cultura asiatica e calarti nella crescente modernità del paese, ammirandone allo stesso tempo le secolari tradizioni. Oltre a vibranti metropoli, qui trovi pure antiche città, natura, montagna e mare; insomma un po’ di tutto. Perciò è un viaggio che si può facilmente personalizzare e si adatta a diversi tipi di persone.

 

Spero che ti sia piaciuta l’intervista a Diana Bancale! È una donna intrigante e soprattutto una viaggiatrice instancabile e non banale. Ti consiglio prendere ulteriore ispirazione per i viaggi guardando il suo profilo Instagram @inviaggiodasola. Inoltre se vuoi conoscere itinerari e maggiori informazioni naviga tra le pagine del suo blog www.inviaggiodasola.com.

Se avessi qualche domanda scrivi un commento. Mi segui già sui miei canali social?

 

PS: tutte le foto sono ovviamente di Diana Bancale

Condividi:

4 pensieri su “Intervista a Diana Bancale, travel blogger sempre in viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.