Tour dei castelli della Valle d’Aosta: Fénis, Issogne e Bard

Condividi:

Si sa, l’Italia ha tantissime meraviglie; solo rimanendo tra le bellezze storico-artistiche che io amo, offre molte possibilità. Ho approfittato di questo particolare 2020 per conoscere meglio e vedere il Nord Italia.
Perciò ho organizzato una perfetta gita fuori porta da Milano o da Torino per visitare i castelli della Valle D’Aosta. Ovviamente sono tantissimi, quasi 100: ho realizzato un itinerario facile, scegliendo quelli più facilmente raggiungibili e vicini tra loro. Ma questo non significa di poca importanza, anzi! Il Castello di Fénis e il Forte di Bard sono due simboli della Valle d’Aosta, mentre il Castello di Issogne è una gemma sorprendente e poco conosciuta. 
È stata una fantastica giornata! Ti racconto il mio tour dei castelli della Valle d’Aosta.

  1. Come raggiungere la Valle d’Aosta
  2. Castello di Fenis
  3. Castello di Issogne
  4. Forte di Bard
  5. Conclusioni

tour castelli valle d’Aosta

1. Come raggiungere la Valle D’Aosta

Arrivare in Valle d’Aosta è semplice: l’Autostrada A5 ti porta dritto nella regione, dopo aver lasciato la A4 nei pressi di Vercelli (per me che vengo da Milano); altrimenti dalla barriera di Torino Nord si prende direttamente la A5.
Si potrebbe arrivare anche in treno, ma partono solo da Torino e poi non riusciresti a girare e raggiungere i castelli. Perciò questa gita di un giorno in Valle d’Aosta richiede espressamente l’auto.
Se parti presto, l’autostrada sgombra è un piacere da percorrere, tra la natura e qualche città sfiorata come Ivrea. 
Per non perdere tempo prezioso ho scelto 3 castelli vicini; l’itinerario quindi è ravvicinato, i trasferimenti interni sono minimi. Abbiamo tutto il tempo per goderceli!

tour castelli dei valle d’Aosta

2. Tour dei castelli della Valle d’Aosta: Castello di Fénis

Nel mio tour dei castelli della Valle d'Aosta ho visto il Castello di Fénis
Il Castello di Fénis dall’esterno

Cielo plumbeo e pioggia: così ci accoglie Fénis. Il paese tranquillo con belle case in pietra scura a vista e curve dolci pare ancora addormentato. Il castello è al centro e si erge sopra le case e tra gli alberi, ma non svetta; è sorprendentemente basso.
Prendiamo l’uscita autostradale di “Nus” e lasciamo l’auto nel grande parcheggio che troviamo sulla sinistra; poi saliamo passando un parco e una strada. Il grande Castello di Fénis è poco più sopra, circondato da un prato verde perfetto per una foto (se ci fosse il sole)! Castello meraviglioso: ha due cerchia di mura, il maschio centrale che svetta… ma è dovuto a un restauro nel ‘900 un po’ fantasioso: infatti le mura esterne sono state ricostruite più basse del normale. Però sono scenografiche: mostrano benissimo il resto. Sembra di stare in una fiaba: mancano solo la principessa e il principe azzurro!

2.1 Storia del castello

Il Castello di Fénis è il castello più bello della Valle d'Aosta
Affresco di un saggio nella balconata del cortile

Il Castello di Fénis fu fondato nel 1242 e appartenne solo a una famiglia nobiliare: gli Challant. Inizialmente c’era solo il maschio e la torre vicina, dentro una cinta muraria. Con l’ampliamento l’apparato difensivo divenne imponente; ma si trova su un pianoro: per cui più per fini militari serviva come residenza e per governare il territorio. Lo dimostra la Sala del Tribunale.
Dal ‘500 la famiglia andò incontro al declino, fino a che nel 1716 venne venduto per mancanza di eredi; divenne pure una fattoria! Fortunatamente nel 1895 Alfredo d’Andrade lo comprò e lo restaurò, salvandolo. Infine lo donò allo Stato Italiano.
Visto che il mobilio originale era scarso, è stato comprato da Saluzzo per riempire le stanze come le vediamo ora. Rimane uno dei castelli medievali meglio conservati d’Italia e una delle grandi attrazioni da vedere in Valle d’Aosta.

2.2 Visita al Castello di Fénis

Il Castello di Fénis è uno dei castelli più belli d'Italia
Sala del piano terra con grande camino

Oltrepassando il portale del castello di Fénis sotto a una grande torre quadrata si arriva al camminamento tra le due mura; da lì nel nucleo centrale. Il piano terra del castello era adibito alle abitazioni dei soldati: trovi infatti la Sala d’arme. Colpiscono i camini imponenti: sono grandissimi e in ogni sala; nella terza – la cucina – è enorme: ha una canna fumaria di 18m e serviva per scaldare tutta la parte centrale del castello. È il camino più alto d’Europa! 
Il piano nobile (primo piano) si apre con la cucina padronale. Nel Trecento il castello fu ridisegnato per creare il cortile centrale e quindi si vede un camino troncato; poi livelli sfalsati: una finestra è più alta di quella vicina! Qui trovi la Sala del Tribunale, testimoniata dall’affresco sopra al camino: c’è la Giustizia e lo stemma degli Challant accanto a quello dei Savoia; rappresenta il rapporto di vassallaggio tra le famiglie, ribadito anche nella camera da letto coi colori rossi e bianchi dei Savoia, mentre sul camino c’è nuovamente lo stemma degli Challant.

La Sala Baronale

La Sala Baronale è la più bella del Castello di Fénis in Valle d'Aosta
La Madonna della Misericordia nella Sala Baronale

La sala più bella di tutte è la meravigliosa Sala Baronale che termina con la Cappella: ora è un ambiente unico, prima era probabilmente divisa da una traversa in legno con Cristo duecentesco (che si vede ancora). È mirabilmente dipinta! Gli affreschi del 1415 sono di Giacomo Jaquerio, lo stesso del castello della Manta. Bello il Crocifisso e affascinanti i santi, ma fantastica la Madonna della Misericordia che protegge col manto ecclesiastici (a sinistra) e laici (a destra), tra cui Bonifacio I Challant.
Questa sala è stata restaurata e si nota: gli affreschi sono… freschi! Ma c’è una traccia di Madonna col bambino vicino a una finestra perché poteva essere tutta una chiesa inizialmente. Pensa che poi fu usata come fienile: ciò ha rovinato gli affreschi e obbligato al restauro novecentesco.

2.3 Il cortile

Il Castello di Fénis ha un cortile affrescato con San Giorgio che uccide il drago
San Giorgio che uccide il drago nel cortile

Altro punto meraviglioso del castello di Fénis è il cortile affrescato; qui campeggia San Giorgio che uccide il drago sulla scalinata circolare che ricorda Tremosine. È il simbolo del cavaliere nobile: armatura bianca con bardature rosse nere e bianche (colori Challant e Savoia) che uccide il male. Al di sopra delle balconate in legno saggi, profeti e filosofi con cartigli con sentenze morali, consigli sul buon vivere e sul buon governo con al centro un saraceno; ricordano i viaggi di Bonifacio I in Terra Santa; le frasi sono in francese antico. La parete di fronte invece fu voluta da Bonifacio II; riflette cristianità da capo a piedi e spicca San Cristoforo protettore dei pellegrini (del resto siamo sulla Via Francigena): era una benedizione per continuare il viaggio. A differenza di tutti gli altri, questi ultimi affreschi sono di Giacomino da Ivrea della seconda metà del Quattrocento.

2.4 Indicazioni pratiche

Il Castello di Fénis ha 8 facce scolpite in ogni torre
Le facce scolpite nelle torri

Ultima tappa del tour è il camminamento interno, tra l’altissimo corpo centrale e le mura esterne. Qui puoi vedere le facce scolpite nelle torri: era apotropaico, per difendersi dagli invasori; deriva dai Celti che impilavano i nemici uccisi e da lì poi sono nate facce e mostri come i gargoyles. È molto diffuso in Valle d’Aosta e nel Castello di Fénis trovi 8 facce in ogni torre!
Pensavo che si visitassero anche le mura, invece no. Del resto al Castello di Fénis si fanno solo visite guidate. La mia guida è stata un po’ troppo sbrigativa e con la mascherina obbligatoria di questi mesi si sentiva poco. Speriamo di tornare presto alla vecchia normalità!
Comunque consiglio vivamente di prenotare i biglietti online: questo è il sito. Il biglietto costa 7€ (ridotto 5).

2.5 Giudizio sul Castello di Fénis

Il Castello di Fénis ha stupendi affreschi del 1415 di Giacomo Jaquerio
Santi affrescati nella Sala Baronale

Lo ammetto: avevo altissime aspettative, visto che è uno castelli dei più famosi della Valle d’Aosta. Quindi mi aspettavo qualcosa di più… Sono stupendi gli affreschi, ma le sale piuttosto vuote. Forse ha inciso anche la pioggia che cadeva, visto che l’ombrello ha reso difficile pure fotografare. Mi sono bagnato tutto! Nonostante ciò ce la siamo cavata: pure così il Castello di Fénis merita una visita!
Ad ogni modo è più bello fotografarlo da fuori: le torri su più livelli lo rendono un castello dei Lego gigante; dentro le mura alte e gli spazi stretti non facilitano.
Curiosità: il castello Bonoris di Montichiari (BS) ha un’identica scalinata tonda con affresco di san Giorgio!

castelli della valle d aosta

3. Tour dei castelli della Valle d’Aosta: Castello di Issogne

Il Castello di Issogne è da vedere in un tour nei castelli della Valle d'Aosta
Vista del Castello di Issogne dal giardino esterno

30 minuti di auto tornando indietro verso sud-est e raggiungiamo Issogne, seconda tappa del tour dei castelli della Valle d’Aosta. Il castello è un po’ nascosto: arrivandoci scorgi altri castelli sui monti, tra cui quello di Verrès; quello di Issogne invece lo intravvedi appena con le punte che svettano sui tetti delle case del paese. Del resto era un castello residenziale, non militare. Lo capisci bene da fuori: non ci sono mura attorno, sembra un palazzo imponente. Però se cammini verso la biglietteria e guardi dal giardino, vedi le torri che spuntano; fantastico scorcio! Foto bellissima assicurata.

3.1 Storia del Castello di Issogne

Il Castello di Issogne è una dimora rinascimentale tra le Alpi
Il cortile interno con la fontana del melograno

Anche il Castello di Issogne apparteneva alla famiglia Challant; anzi, questo era il più importante, era il castello dei conti. Dominavano anche su quello austero di Verrès di fronte, mentre a Fénis c’erano i cugini. 
Sorto su una villa romana, è citato per la prima volta da una bolla papale del 1151. Dopo uno scontro tra i vescovi di Aosta e i signori di Verrès, a fine Trecento si instaurarono gli Challant che nel 1424 ottennero il titolo di conte dai Savoia.
Il conte Luigi di Challant volle rinnovare il castello tra fine ‘400 e inizio ‘500, ma morì prima. Continuò l’opera il cugino Giorgio, un ecclesiastico scelto come tutore dei suoi figli: a lui dobbiamo l’aspetto attuale di elegante dimora rinascimentale tra le Alpi. Il Cinquecento fu l’epoca d’oro del castello: la corte è ricca e raffinata e accoglie ospiti illustri come il re di Francia Carlo VIII!
Nel 1565 si scatenò un conflitto ereditario lungo più di un secolo. Ritornò agli Challant, che però si estinsero nel 1802. Così nel 1872 il Castello di Issogne venne comprato all’asta dal pittore torinese Avondo che lo sistemò e infine lo donò allo stato (1907). I soffitti sono d’epoca, mentre i pavimenti sono rifatti così come molti mobili. Alcuni però sono originali! 

3.2 Il cortile interno

Il Castello di Issogne è tra i castelli della Valle d'Aosta da visitare
Il porticato rinascimentale con gli affreschi delle botteghe

Giorgio di Challant creò una struttura a ferro di cavallo, col giardino nella quarta parte; si vede bene come i muri sembrano quasi abbracciare il giardino all’italiana con siepi perfettamente tagliate. Poi regalò l’ottagonale fontana del melograno simbolo del castello: ha frutti del melograno (simbolo di fertilità) con foglie di quercia (forza). Infine con gli affreschi Giorgio volle celebrare la famiglia: sono in tutto il castello. Nel cortile sono rovinati perché esposti alle intemperie: si intravvedono gli stemmi. Gli affreschi vogliono far passare un’idea di pace. Perciò nel porticato sono dipinte le botteghe, simbolo dell’operosità di un governo saggio, a partire dalla “patisserie”, il mercato, la sartoria, lo speziale… È molto particolare infatti che sono pieni di scritte in tutte le lingue: latino, francese, spagnolo… I conti lo lasciavano fare: la più antica è datata 1489. Una dice “i ladri sono i sarti”: probabilmente sono stati fregati! 

3.3 Visita al Castello di Issogne

Tra i castelli della Valle d'Aosta bisogna vedere il Castello di Issogne
La cucina in stile rinascimentale

Dal porticato entri nel castello. La prima cosa che noti sono le porte basse, strette e doppie (chiamate bussola); servivano per trattenere il calore. Chissà che freddo d’inverno, all’epoca! La cucina col grande camino era quindi la stanza più calda; ora è perfettamente ricostruita da Avondo in stile rinascimentale, ma i mobili sono ottocenteschi. C’è uno stambecco e un camoscio appesi e il portavivande che portava il cibo alla sala da pranzo.
Delle 50 stanze, solo una decina sono visitabili in compagnia della guida. La scala a chiocciola porta al primo piano, dove troviamo la Cappella del castello con polittico del ‘500 con la nascita di Gesù al centro; sotto le volte a crociera l’ambiente è diviso in due da una cancellata di legno, che segnava il confine tra servitù e padroni. Ci sono tantissimi affreschi dai colori vivaci come la Dormitio della Vergine (tema di solito protestante) i padri della chiesa e santi, tra cui anche qui San Cristoforo; sono attribuiti al maestro Colin, lo stesso cha ha dipinto il porticato.

Il secondo piano

Il Castello di Issogne in Valle d'Aosta è un tesoro nascosto
La meravigliosa Sala del Re di Francia

Al secondo piano il loggiato regala una vista fantastica sul castello e sul giardino: immaginalo tutto affrescato e senza le case moderne del paese appena fuori! Non ci sono feritoie: ciò conferma l’uso di dimora residenziale.
Le prime tre stanze appartenevano a Giorgio di Challant: nella camera da letto c’è ancora il suo stemma sul camino, proprio davanti al letto a baldacchino; sul soffitto croci dell’ordine di San Maurizio. La parte più antica fu costruita dal vescovo di Aosta: era una torre del XII secolo; la stanza ricavata si pensa servisse da segnalazione, perché domina la vallata ed era in comunicazione visiva con tre castelli; quello di Verrès si vede bene.
Per ultima al secondo piano si visita la meravigliosa Sala del Re di Francia. Non si sa se venne, ma Luigi XI fu padrino di un figlio del conte. Lo stemma del Re di Francia (i tre gigli) domina nel soffitto a cassettoni e sul camino, mentre la bellissima decorazione della parete trompe l’oeil simula tende colorate. Un tempo la tappezzeria portava i nomi di Renato di Challant e della moglie, visto che era la loro camera nuziale; purtroppo sono andati persi, ma il letto a baldacchino ha lo stemma degli Challant seppure non originale di questo castello; da notare le tre statue del XV secolo. Un trionfo di eleganza!

La Sala di Giustizia

Nel tour dei castelli della Valle d'Aosta è da vedere il Castello di Issogne
La Sala di Giustizia coi suoi affreschi

Tornando al primo piano, ecco la Sala d’Armi, con antichi stemmi dei Savoia sul camino e parte della collezione d’armi di Vittorio Avondo. Il realizzatore del borgo medievale del Valentino a Torino visse su questo piano, ma inspiegabilmente del “Castello dei Sogni” abbiamo visto solo questa sala.
Infine al piano terra, per ultima si visita la stupenda Sala di Giustizia (“Salle basse”), la principale sala di rappresentanza del castello di Issogne; è piena di affreschi originali che simulano un loggiato verso l’esterno: illustrano Gerusalemme, Verrès, il mitologico Giudizio di Paride. I pittori probabilmente erano franco-fiamminghi, visto che abbondano tetti spioventi e mulini tipici del Nord Europa; gli altri affreschi rappresentavano forse i feudi oltralpe degli Challant (del resto all’epoca i Savoia resiedevano ancora a Chambery). Sulla parete in fondo, un leone e un grifone sorreggono lo stemma di Luigi di Challant. Sembra di tornare indietro a fine XV secolo!

3.4 Giudizio sul Castello di Issogne

Il Castello di Issogne è da vedere in un tour della Valle d'Aosta
Vista dall’alto sul giardino all’italiana

Il Castello di Issogne è stupendo! Incredibilmente è poco conosciuto ma merita, anche solo per gli affreschi meravigliosi e le sale dall’atmosfera antica. Gli affreschi sono quasi tutti di fine 400 – inizio ‘500: lo stile coerente aumenta il fascino del luogo. La guida preparata ce li ha mostrati e spiegati (forse un po’ di corsa).
Pure fotograficamente i dipinti, gli ambienti e le siepi all’italiana del giardino rendono bene. L’unica difficoltà è calibrare la luce: le sale sono piuttosto buie mentre la luce che entra dalle finestre è forte (anche col cielo grigio).
La cosa incomprensibile è perché alcune sale non siano visitabili: forse è una questione di sicurezza causa Covid, forse sono in restauro. Che peccato… già così mi è piaciuto tantissimo. Poi è perfettamente sulla strada tra Fénis e Bard. Insomma non si può fare una scelta migliore: mettilo nel tour dei castelli in Valle d’Aosta! 

bard borghi più belli d’Italia

4. Tour dei castelli della Valle d’Aosta: il Forte di Bard

Il Forte di Bard è tappa obbligata del tour dei castelli della Valle d'Aosta
La posizione dominante del Forte di Bard

La terza tappa del mio tour dei castelli della Valle d’Aosta è il Forte di Bard. Arrampicato su una montagna che domina la vallata, è uno dei simboli della regione; ce lo troviamo davanti percorrendo il tratto di strada di 10 minuti che divide Issogne da Bard. Le piazzeforti sbarrano la vista e la vallata: si capisce subito che aveva uno strategico scopo militare! Infatti è costruito a picco sulla Dora Baltea, fiume taglia tutta la Valle d’Aosta, in un punto in cui la valle si restringe tra le alte montagne. Creato su molteplici livelli, è super scenografico!
Per visitarlo bisogna trovare parcheggio nel borgo di Bard, ai suoi piedi. Alcuni temerari lasciano l’auto a distanza e camminano; noi sfidiamo la sorte e scoviamo un posto libero sulla strada! In alternativa c’è il grande parcheggio multipiano a pagamento costruito proprio sotto al forte.

4.1 Il borgo di Bard

Tour Valle d'Aosta: il borgo di Bard è da vedere!
Pittoresco scorcio del borgo di Bard

La prima cosa da vedere a Bard è il borgo, nominato uno dei borghi più belli d’Italia. Composto da una sola strada lastricata e rettilinea che lo attraversa, è pittoresco e medievale: ha fontane, finestre e curiosi balconi in pietra lavorata, negozi carini… Come sempre i dettagli fanno la differenza. Il borgo esiste fin dall’epoca romana, perché qui passava la Via delle Gallie che andava in Francia (attraversando Aosta). Ma la peculiarità del borgo di Bard sono le 25 case dichiarate monumentali, tra cui Casa Challand, Casa Nicole coi segni dei proiettili napoleonici e Casa Valperga con resti di stemmi nobiliari affrescati; cercale nel borgo!
È ora di pranzo: cerchiamo un posto dove mangiare; c’è un ristorante 4 stelle alla base, uno particolare… e basta! Così ci siamo accontentati di un panino nel Bar del Borgo. Per fortuna le nuvole si aprono: compare un raggio di sole!
tour valle d’aosta

4.2 Storia del Forte di Bard

Cosa vedere in Valle d'Aosta? Il Forte di Bard con il borgo antico ai suoi piedi
Il Forte di Bard sovrasta il borgo antico

Perché si chiama Forte di Bard e non castello? Bisogna conoscere la sua storia per scoprirlo. Nelle Prigioni del Forte, tra le 24 piccole celle, trovi un percorso multimediale che ricostruisce la storia del Forte di Bard dalle origini.
Dopo l’epoca romana si sa poco fino al XII secolo, quando si impose la signoria feudale dei Bard. Lotte interne favorirono l’affermazione dei Savoia nel 1242; nel corso dei due secoli successivi si impegnarono a imporre il dominio sulle famiglie rivali e sui valichi alpini. Dal Cinquecento il castello di Bard è il fulcro delle difese dei Savoia, che vi fanno confluire le artiglierie e lo continuano ad ammodernare.
Il momento topico della sua storia è il 1800, quando 400 uomini e 20 cannoni fermarono eroicamente per 14 giorni l’armata di Napoleone di 40.000 soldati; passarono solamente grazie a un sentiero alternativo. Per punire il “vilain castel de Bard”, Napoleone ne comandò la distruzione.
Solamente nel 1830 Carlo Felice di Savoia decise di ricostruirlo. In soli 8 anni sorse così il Forte di Bard, fortificazione moderna con corpi di fabbrica bassi e robusti per resistere alle cannonate. Fu modificato verso la fine del XIX secolo per adattarsi ai cannoni a retrocarica, inglobati nelle mura. Ma l’evoluzione militare era troppo rapida: cadde in disuso, divenendo solo un carcere militare e polveriera fino al 1975. Donato alla regione Valle d’Aosta, un accurato restauro ha portato all’apertura nel 2006 del Museo delle Alpi, creando il polo culturale e museale che è oggi.

4.3 Come visitare il Forte di Bard

Il Forte di Bard è da vedere in un tour dei castelli della Valle d'Aosta
Le aperture delle cannoniere del forte

Il Forte di Bard è composto da vari corpi di fabbrica che si suddividono sostanzialmente in 3 livelli: l’Opera Ferdinando più bassa, l’Opera Vittorio e l’Opera Carlo Alberto in cima. Alcuni spazi espositivi ospitano i 4 musei, altri invece mostre temporanee che si alternano nel corso degli anni.
È possibile comprare un biglietto per un singolo spazio espositivo oppure scegliere quello per 2 spazi; io ho preso “All Forte”, per tutti i musei e le mostre (costo 24€). Interessante anche il biglietto cumulativo per famiglie e le altre riduzioni. I biglietti si possono comprare online o nella biglietteria nel punto di partenza degli ascensori nel borgo. Qui tutte le informazioni relative.
Gli ascensori sono ad uso delle persone con disabilità; quindi bisogna salire a piedi, girando dietro alla chiesa del borgo fino a trovare l’arco di ingresso del Forte.

4.4 L’Opera Ferdinando

Il Forte di Bard in Valle d'Aosta ospita il Museo delle Fortificazioni militari
Armi d’assedio nel Museo delle Fortificazioni

Il Ferdinando è la parte più bassa del Forte, suddivisa in due livelli: superiore e inferiore. Costudisce il Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere, grande esposizione di storia militare e dell’evoluzione delle fortificazioni. Per me che sono laureato in storia è fantastico! Tra plastici, filmati, cartine e manichini, puoi imparare l’evoluzione delle fortezze militari dai Romani al Novecento; interessante che pone l’attenzione sulle fortezze della zona con modellini in scala.
Segue una riflessione a tutto tondo sulle Alpi: da confini, a difesa e infine passaggio (come ora). A fine ‘800 si crearono i primi trafori che battono il gelo invernale, ma il nazionalismo portò alla Prima Guerra Mondiale, la più grande guerra di montagna della storia; perciò nacquero corpi speciali come gli Alpini, di cui sono esposte le divise. Nel 1947 viene decisa la smilitarizzazione dei confini alpini: le fortezze diventano musei e con l’Unione Europea i confini perdono senso.

4.5 L’interno del Forte di Bard

Il Forte di Bard regala un panorama fantastico sulla vallata
Panorama sulla vallata dall’alto del forte

Alle spalle dell’Opera Ferdinando c’è l’Opera Mortai, destinata ad auditorium e laboratori didattici. Per cui la superiamo e arriviamo all’Opera Vittorio, più o meno a metà del forte. Questa ospita Le Alpi dei Ragazzi, un percorso di avvicinamento all’alpinismo dedicato ai più giovani.
Oltre si spalancano davanti a te i tornanti interni al forte, molto scenografici: salgono come un serpente sulla montagna; la gente fatica in salita. Da fotografare invece non sono granché: la strada è ripida e quindi gli scorci sul forte sono schiacciati; ma se ti volti hai il fantastico panorama con la vallata sdraiata e la Dora Baltea che scorre in mezzo, mentre le montagne fanno da cornice. Peccato solo le tante case e industrie. Più sali e più si rimpiccioliscono, mentre le montagne attorno sembrano sempre più imponenti. Il borgo di Bard rimane sulla destra, un po’ nascosto. 

4.6 L’Opera Carlo Alberto

La Piazza d'Armi è il cuore del Forte di Bard
Scorcio della Piazza d’Armi

Sul punto più alto del monte trovi l’Opera Carlo Alberto, una fortezza nella fortezza. Qui c’è il grosso dei musei e delle mostre, raccolte negli spazi attorno alla grande Piazza delle Armi. L’altro cortile – più piccolo – è l’angolo più turistico, con bookshop e caffetteria; bisogna rilassarsi un po’ seduti al tavolino del bar dopo tanta salita! C’è persino un hotel: è l’unico castello della Valle d’Aosta in cui puoi anche dormire!
In un angolo della Piazza d’Armi scovi la piccola Cappella, probabilmente costruita su quella precedente, con uno strano crocifisso novecentesco; attento a non perdertela! Tutte le sale (cannoniere, cantine, corpo di guardia, scuderie e prigioni) fanno parte del Museo delle Alpi, che vuole portarti ad immergerti nella cultura alpina. Secondo me è troppo didascalico e noioso: si parla di posizione, fauna, flora, ghiacciai… Sembra di tornare alle scuole medie! Sicuramente è più indicato per chi ama la montagna.

Le mostre

La mostra "wildlife photographer of the year" era al Forte di Bard nel 2020
La mostra “wildlife photographer of the year”

Alla fine del percorso ho trovato una mostra sui quadri di Renato Chabod, coloratamente impressionisti, che ritraggono le sue montagne valdostane e i castelli: c’è pure il Forte di Bard!
Nella sala vicina una mostra sul Monte Rosa, ancora di più per appassionati. Però ho scoperto che si chiama così perché significava “ghiacciaio”! Peraltro nemmeno lasciano fotografare: volevo uno scatto ai finestroni che erano le cannoniere: inizialmente pensate per cannoni ad avancarica, poi modificate perché i cannoni divennero a retrocarica e quindi potevano rimanere sempre in posizione con le bocche fuori.
Un’altra mostra temporanea che ho visto era sulle migliori foto dell’Ansa 2019, dall’Italia e dal mondo. Nell’Opera Vittorio invece ho trovato Wildlife photographer of the year, le 100 migliori foto naturalistiche 2019 secondo il Natural History Museum di Londra. 
Insomma, le esibizioni e mostre del Forte di Bard sono per tutti i gusti! Scoprile sul sito.

4.7 Giudizio sul Forte di Bard

Il Forte di Bard è uno dei castelli più belli della Valle d'Aosta e d'Italia
Vista del Forte di Bard col ponte sulla Dora Baltea

Visitare il Forte di Bard mi ha dato brividi: sembra di passeggiare nella storia! Dall’alto puoi immaginare i soldati di Napoleone che provavano in tutti i modi a conquistarlo, come ci ricorda Stendhal che era tra loro. È stato pure location del film Marvel Avengers: Age of Ultron (2014): perciò trovi le statue dei personaggi in giro; ciò ha ulteriormente cresciuto la sua fama. Insomma è uno dei posti da visitare in Italia!
Tra la salita e i tanti musei, il tempo vola. Lasciandolo e attraversando il borgo, non puoi smettere di guardarlo. Da fuori è bellissimo, proprio come appare nelle fotografie. Il posto perfetto per una foto super è il ponte in pietra sul fiume oppure lì accanto. Peccato non essere arrivato nel momento giusto per fotografare: inizialmente era grigio per le nuvole, alla fine dopo il tramonto la luce non era eccezionale; erano brutti anche i fiori sul ponte, usati per esaltare lo scorcio. Ma anche così la vista è eccezionale: il Forte di Bard è super scenografico e imperdibile!

castelli della valle d’aosta

 

Spero di averti stuzzicato la voglia di fare un tour nei castelli della Valle d’Aosta! Io ne ho scelti 3, ma sono ben 100 i castelli della Valle d’Aosta; puoi sbizzarrirti!
Se ti è piaciuto l’articolo condividilo, mentre se hai qualche domanda scrivila sotto. Segui già i miei canali social?

cosa vedere in valle d aosta

Ecco altre foto della giornata:

Cosa vedere in Valle d'Aosta? Il Castello di Fénis uno dei più belli d'Italia
Siamo arrivati: entriamo nel castello di Fénis
Il Castello di Fénis ha grandi camini che scaldavano soldati e signori durante l'inverno
Turisti osservano un grande camino del piano terra.
Il Castello di Fénis conserva stupendi affreschi del '400
Risalendo le scale dal cortile interno
La camera da letto del Castello di Fénis ha un antico letto a baldacchino
…raggiungiamo il piano nobile e la Camera da Letto
Nel Castello di Fénis in Valle d'Aosta c'è una Sala del Tribunale
Accanto la Sala del Tribunale, con la Giustizia disegnata sul camino
La Sala Baronale affrescata è la parte più bella del Castello di Fénis in Valle d'Aosta
La più bella è la Sala Baronale
…coi meravigliosi affreschi del 1415!
La Sala Baronale è la parte più bella del Castello di Fénis
Anche il resto della Sala Baronale è bella…
Il Castello di Fénis è il più bello della Valle d'Aosta
…ma è il cortile interno è un capolavoro!
Il Castello di Fénis in Valle d'Aosta ha stupendi affreschi del '400
Bellissime le figure di saggi, profeti e filosofi delle balconate…
Il Castello di Fénis ha stupendi affreschi del '400 come San Cristoforo
Sulla parete di fronte spicca l’affresco di San Cristoforo
Il Castello di Fénis è tra i castelli della Valle d'Aosta da visitare
Per finire, giro nel camminamento interno.
La Valle d'Aosta è la valle dei 100 castelli
In auto vedi altri castelli sui monti
Il Castello di Issogne è da vedere in un tour dei castelli in Valle d'Aosta
Eccoci nel Castello di Issogne!
Stemma della famiglia Challant nel porticato del Castello di Issogne
Apparteneva agli Challant, come vedi dallo stemma nel porticato
Il Castello di Issogne in Valle d'Aosta ha stupendi affreschi rinascimentali
Nel porticato ci sono affreschi con le botteghe: i sarti
Una bancarella del mercato è affrescata nel porticato del Castello di Issogne
…e il mercato.
Il Castello di Issogne in Valle d'Aosta ha una cappella rinascimentale da vedere
Al 1°piano trovi la Cappella
Il Castello di Issogne è una dimora del Rinascimento nel cuore delle Alpi
…con affreschi vivaci.
Il Castello di Issogne è da visitare in Valle d'Aosta
Le camere sono belle e eleganti: questa è la camera da letto di Giorgio di Challant
Cosa vedere in Valle d'Aosta? Il Castello di Issogne
…con soffitto dipinto con croci di San Maurizio.
Tra i castelli della Valle d'Aosta visitabili c'è il castello di Issogne
Particolare della Sala del Re di Francia.
Il Castello di Issogne è tra i più belli della Valle d'Aosta
La Sala d’Armi con antichi stemmi dei Savoia
Simone Colombo srake ha fatto un tour dei castelli in Valle d'Aosta
Ci sta una foto ricordo!
La Sala di Giustizia del Castello di Issogne ha stupendi affreschi rinascimentali
Per ultima la Sala di Giustizia con affreschi trompe l’oeil.
Il Forte di Bard è una perfetta gita fuori porta da Milano e Torino
Il Forte di Bard sbarra la vallata
Il borgo di Bard è da vedere in Valle d'Aosta
Prima cosa: visitare il borgo di Bard
Il borgo di Bard in Valle d'Aosta è uno dei borghi più belli d'Italia
È composto da una sola strada lastricata
Il borgo di Bard è un borgo medievale della Valle d'Aosta da vedere
…case ricche di dettagli preziosi
Il borgo di Bard è uno dei più belli d'Italia
…e qualche negozio pittoresco.
Il borgo di Bard è da vedere in Valle d'Aosta
Che angoli stupendi!
Il borgo di Bard ha 15 case antiche dichiarate monumentali
La peculiarità sono le 25 case monumentali.
Il Forte di Bard svetta sopra ai tetti di ardesia del borgo di Bard
Il Forte svetta sul borgo
Il Forte di Bard è da vedere in un tour dei castelli della Valle d'Aosta
È da vedere in un tour dei castelli in Valle d’Aosta
Costa vedere in Valle d'Aosta? Il Forte di Bard
È composto da vari corpi di fabbrica.
Il Forte di Bard ospita il Museo delle Fortificazioni militari
Nell’Opera Ferdinando c’è il Museo delle Fortificazioni
Il Museo delle Fortificazioni del Forte di Bard illustra la storia militare dai Romani al '900
…che illustra la storia militare.
Il Forte di Bard è da vedere in un tour dei castelli in Valle d'Aosta
Puoi vedere l’interno della fortezza
Il Forte di Bard ha un fantastico panorama sulla valle!
…il panorama sulla vallata
Il Forte di Bard è uno dei castelli più belli della Valle d'Aosta
…e raggiungere l’Opera Carlo Alberto.
Il Museo delle Alpi si trova nel Forte di Bard in Valle d'Aosta
Qui c’è il Museo delle Alpi
Il Forte di Bard ha una cappella con uno strano crocifisso novecentesco
…la cappella
Il Forte di Bard è un polo museale importante della Valle d'Aosta
…e le mostre temporanee.
Il Forte di Bard disegnato da Renato Chabod
Il Forte di Bard disegnato da Renato Chabod
Nel tour dei castelli della Valle d'Aosta visita il Forte di Bard
Questo tour dei castelli in Valle d’Aosta sarà indimenticabile!

castelli della valle d’aosta visitabili

castelli della valle d’aosta da visitare

Condividi:

2 pensieri su “Tour dei castelli della Valle d’Aosta: Fénis, Issogne e Bard

    1. Srake

      Muito obrigado! Qual é o castelo que você gustou mais? São todos maravilhosos… Parece de estudar historia visitando-os! Fiquei feliz quando fui aì… e feliz agora que eu escrevì o artigo e você gustou 😃

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *