Visitare il Lago di Como in auto: i miei consigli

Condividi:

Il Lago di Como è una meraviglia che il mondo ci invidia. Ci hanno girato svariati film, anche hollywoodiani come Star Wars, Ocean’s Twelve e James Bond, mentre negli esclusivi hotel soggiornano turisti internazionali. Del resto le ville storiche con giardini incantevoli fanno sognare, mentre le sponde strette e montagne creano uno scenario naturale spettacolare e molto teatrale; poi la profondità del lago regala un colore blu intenso: insomma è un luogo perfetto per sognare ad occhi aperti (e fare super foto e video)! Difatti nel 2014 The Huffington Post  l’ha definito il lago più bello al mondo! Questa esclusività e bellezza però ha un prezzo. Non è solo quello alto degli hotel di lusso, ma anche strade tortuose e pochi spazi per parcheggiare; in certi luoghi trovare posteggio è un’impresa! Perciò ti do alcuni consigli e l’itinerario ideale per visitare il Lago di Como in auto

  1. Visitare il Lago di Como coi mezzi pubblici
  2. Pro e contro del visitare il Lago di Como in auto
  3. Itinerario ideale per un weekend sul Lago di Como in auto
  4. Il mio consiglio

1. Visitare il Lago di Como coi mezzi pubblici

Visitare il Lago di Como coi mezzi pubblici è possibile (ma difficile)
Battello sul Lago di Como davanti a Bellagio

Visitare il Lago di Como coi mezzi pubblici è possibile. Bus e treni sono presenti e molti turisti stranieri li usano per raggiungere le sponde del lago. Ma alcune zone sono facili da raggiungere, altre difficili oppure è necessario tantissimo tempo. Per la prima categoria cito Como e Lecco; col treno le raggiungi facilmente da Milano (o da Bergamo e Varese); idem per la sponda lecchese, da Lecco a Varenna e da Varenna a Colico: cambi il treno a Lecco e risali il lago. Per la restante parte del Lago da Como puoi prendere l’autobus C10 che risale la sponda comasca o la linea 10 che raggiunge Bellagio da Lecco (o C30 da Como); l’alternativa sono i battelli sul lago. Ma ovviamente ci mettono tanto tempo, perché si fermano spesso: va bene se devi visitare il Primo Bacino del Lago di Como, ma poi? Per le destinazioni del centro e Alto Lago l’auto è il mezzo migliore

 

2. Pro e contro del visitare il Lago di Como in auto

Angolo colorato del Lago di Como in estate
Angolo colorato del Lago di Como in estate

Per conformazione, il Lago di Como è una vallata a v scavata dai ghiacciai che poi si divide in 2 formando l’unica e inconfondibile forma a “Y” rovesciata. I due rami e la parte alta sono circondati dalle montagne; in primavera ad esempio le Alpi svizzere ancora innevate verso nord sono uno sfondo fantastico. Quindi i paesi sono costruiti sulle sponde oppure arroccati sulla roccia a mezza costa, con piccole frazioni che si spingono fino a grandi altezze. Questo crea uno scenario naturale molto teatrale, con le montagne come sfondo; ma al tempo stesso significa che gli spazi sono ridotti, specialmente dove il pendio cresce immediatamente. È il fascino del Lago di Como: si pensi a paesi come Nesso o la frazione Careno costruiti ripidi sulla sponda. Tutto ciò comporta pro e contro se si decide di visitare il Lago di Como in auto.

2.1 Le strade tortuose del Lago di Como

Salita Serbelloni a Bellagio, da vedere sul Lago di Como
L’iconica Salita Serbelloni a Bellagio

Comunque visitare il Lago di Como in auto è complicato: infatti molte strade sono strette e tortuose; sono state costruite ricavando spazio tra la roccia a picco sull’acqua e le spiagge sassose, oppure attraversano paesi a mezza costa. Ma negli ultimi decenni le auto si sono ingrandite (e molto), per cui a volte ti sembra di essere come Gulliver tra i lillipuziani; il tratto più brutto è quello tra Lecco e Bellagio, spesso contorto tra rocce e guardrail; il limite è 50km/h, ma nemmeno ti avvicini. Se trovi un ciclista non riesci a superarlo! Infatti dall’altro senso un’auto può sopraggiungere all’improvviso e tu devi frenare e piegare verso destra il più possibile; non ti dico che succede se incroci un autobus! Per fortuna ultimamente in più punti del lago sono state costruite strade in galleria che evitano i paesi e sono larghe e scorrevoli. Così ti godi i panorami mozzafiato.

2.2 I pochi parcheggi del Lago di Como

I parcheggi sono un problema del visitare il Lago di Como in auto
Il favoloso giardino di Villa Carlotta

I parcheggi sono un altro svantaggio da affrontare quando si visita il Lago di Como in auto. Spazi limitati, strade strette e parcheggi introvabili: questo caratterizza gran parte del Lago di Como. Non tutti, perché ad esempio Menaggio ha ampi spazi attorno; perciò lì trovare parcheggio è facile. È un’eccezione: tendenzialmente più i paesi sono famosi e hanno ville belle, meno si trova parcheggio. Il consiglio è di arrivare presto la mattina: ad esempio Villa Monastero a Varenna, Villa Melzi a Bellagio e Villa Carlotta a Tremezzo hanno parcheggi gratuiti lungo il loro perimetro; però finiscono in fretta e poi sei costretto ad andare nei costosi parcheggi a pagamento. Inoltre nei paesi costruiti sul pendio trovare parcheggio è una missione quasi impossibile! Ammetto che per visitare la suddetta frazione di Careno ho lasciato l’auto in divieto. Prima di partire studia bene i posti dove vuoi fermarti e i parcheggi vicini.

2.3 I vantaggi di visitare il Lago di Como in auto

 

Non hai solo svantaggi nel visitare il Lago di Como, anzi! Ci sono anche tanti vantaggi. Quello più grande l’ho già detto: puoi raggiungere velocemente ogni punto del lago; per centro e l’Alto Lago la differenza è abissale tra auto e mezzi pubblici. Altra cosa non indifferente: avendo la propria auto puoi ripartire quando vuoi, senza dover aspettare i tempi di autobus o traghetti; quindi un giro on the road ti fa risparmiare tantissimo tempo: praticamente puoi visitare il doppio dei paesi in un solo giorno. Poi è spettacolare ammirare i panorami del Lago di Como guidando; la suddetta vista sulle Alpi Svizzere innevate, il lago che si spalanca dopo aver superato Lecco o Como, le viste dall’alto come quando passi da Laglio, il borgo di Rezzonico col castello che appare improvviso. È emozionante! Peccato che raramente puoi fermarti per scattare foto/video. PS: attenzione alla guida per le curve!

I punti più belli per guidare sul Lago di Como

Panorama mozzafiato sul Lago di Como dalla Scenic Route 65
Il panorama mozzafiato dalla Scenic Route 65 sul centro del Lago di Como

Guidare in alcuni tratti del Lago di Como lascia senza parole. Sono i tratti panoramici dove hai il lago accanto oppure ammiri viste meravigliose; insomma, sono i punti più spettacolari! Procedi accanto al lago da Lecco a Bellagio, ma come detto la strada è stretta e tortuosa: lì riesci ad osservare niente. Tutto il contrario invece quando circumnavigando Villa Olmo a Como scendi e trovi l’azzurro brillante dell’acqua davanti a te, che poi ti accompagna fino a Cernobbio. Più avanti da Moltrasio in poi procedi vicino, con viste improvvise che si aprono sulla destra; splendido quando scorgi il campanile di Laglio, della chiesa di San Vittore a Brienno e quello particolarissimo di Ossuccio, oppure scorgi l’Isola Comacina. Dopo arrivi nella Tremezzina, davanti alle ville più belle del Lario. Sono belle da scorgere anche dal Triangolo Lariano, mentre guidi verso Bellagio. Ritornando verso Lecco da Mandello del Lario è sorprendente quando vedi spuntare il Matitone, campanile simbolo della città. Menzione speciale per la SS753, strada panoramica che da Perledo sale ripidamente ad Esino Lario regalando viste spettacolari; ha alcuni punti per sostare ed ammirare i panorami su mezzo lago sopra al Castello di Vezio; perciò è chiamata anche Scenic route 65. Questo è il punto più bello dove guidare sul Lago di Como.

2.4 Come muoversi sul Lago di Como in auto

Cernobbio è un paese da visitare sul Lago di Como in auto
Cernobbio, altro paese da visitare sul Lago di Como

Secondo me ci sono due modalità consigliabili per muoversi sul Lago di Como in auto. La prima è fare un tour on the road, fermandosi in più punti per vedere più posti; Io ho visitato così le sponde del lago, cercando di fare più fermate possibili. La seconda modalità è raggiungere un punto strategico per poi visitare i dintorni, muovendosi a piedi o coi traghetti. Ad esempio Bellagio può essere visitata attraversando il lago da Varenna o Menaggio/Cadenabbia e tornando indietro; hai pure la vista migliore dal traghetto! Il Primo Bacino del Lago di Como invece l’ho girato in bicicletta partendo da Como. Qualche volta ho attraversato il lago con l’auto sul traghetto, per poi proseguire sull’altra sponda; ovviamente costa di più.
Nei miei svariati giri sul lago ho seguito tutti questi modi; tutto dipende dalla finalità, ciò che hai in mente di vedere.

3. Itinerario ideale per un weekend sul Lago di Como in auto

Villa Melzi a Bellagio: giardino imperdibile del Lago di Como
Villa Melzi a Bellagio: giardino favoloso e imperdibile

Molte volte mi è stato chiesto un consiglio su cosa vedere sul Lago di Como in un weekend. Come detto prima, dipende dagli interessi personali: c’è chi vuole vedere tutte le ville più belle del lago, mentre qualcun altro vuole godersi l’esclusività, magari facendo un tour privato in motoscafo oppure un aperitivo sulla meravigliosa terrazza del Grand Hotel Tremezzo. In linea di massima, chi viene a visitare il Lago di Como per la prima volta vuole ammirare i luoghi più iconici e belli: ville con giardini, borghi, viste panoramiche e posti più incredibili.  Ti lascio quello che secondo me è l’itinerario ideale per trascorrere un weekend sul Lago di Como in auto ed ammirarne il massimo della bellezza, con alcune dritte utili. In due giorni non si può vedere tutto: il lago è molto lungo e le meraviglie tantissime!

3.1 Primo giorno: la Greenway del Lago di Como

Villa del Balbianello, meraviglia della Greenway del Lago di Como
Un angolo favoloso del giardino di Villa del Balbianello

Molti turisti cominciano da Como la visita del lago. La città più importante è storica ed interessante, con luoghi meravigliosi come il Duomo e la passeggiata lungolago che porta a Villa Olmo. Ma secondo me Como non esprime l’esclusività ed il fascino irresistibile del Lario. Perciò per chi visita la prima volta il Lago di Como consiglio di raggiungere Colonno, piccolo paese dove comincia la Greenway del Lago di Como. Lascia lì l’auto in un parcheggio (non fuori: si rischiano multe) e comincia la facile camminata di 10km nel punto più straordinario del lago; percorrendo questo itinerario sulla riva o a mezza costa attraversi borghi stupendi come Ossuccio, Lenno e Tremezzo e sfiori alcune delle ville più belle, come l’incredibile Villa del Balbianello e l’esuberante Villa Carlotta. Col passo veloce puoi visitarne una: due è difficilissimo. Al termine della camminata prendi l’autobus C10 per tornare a Colonno alla macchina.

3.2 I paesi più belli del lago: Bellagio e Varenna

Visita del Lago di Como in auto? Vai a Varenna
Le coloratissime case di Varenna: posto che adoro

Il secondo giorno è destinato a visitare i paesi più belli del Lago di Como: Bellagio e Varenna. L’organizzazione dipende da dove hai scelto di dormire; a seconda della zona l’itinerario varia: puoi percorrerlo anche in senso opposto. Comunque in linea di massima trova un parcheggio la mattina presto e poi utilizza i traghetti per attraversare il centro del lago: da Cadenabbia o Menaggio sulla sponda occidentale raggiungi Bellagio dove si dividono i due rami; goditi l’eslusività del lungolago, il giardino da sogno di Villa Melzi (imperdibile!), Punta Spartivento e le scalinate che salgono verso la chiesa come l’iconica Salita Serbelloni. Terminata la visita un altro traghetto ti porta nella pittoresca Varenna, con le case colorate affacciate sul porticciolo. Qui non perderti la camminata sospesa sul lago, Villa Monastero e il vicino giardino dell’Hotel Villa Cipressi, le antiche chiese con affreschi e le scalinate in pietra. Anche un drink al tramonto vicino al lago è indimenticabile. Poi torna in traghetto alla macchina.
Se parti dalla sponda occidentale, puoi fare pure un giro mattutino sullo splendido lungolago di Menaggio.

3.3 Il terzo giorno

Il Lago di Como è perfetto per un giro on the road
Scorcio di Argegno con campanile

Se fossi fortunato ad avere un terzo giorno a disposizione per visitare il Lago di Como in auto, quello è perfetto per un giro on the road. Tralasciando i paesi già citati nell’itinerario ideale, potresti percorrere la sponda occidentale comasca, quella verso la Svizzera. Prima fermata a Cernobbio, incantevole paese vicino a Como e l’attigua Moltrasio, perla poco nota del lago; dopo un tratto di strada fermati a Brienno, paese dal fascino antico: è un’eccezione sul Lario. Dopo una sosta nella bella Argegno, oltrepassiamo la parte centrale fino ad avvistare il castello che svetta sopra Rezzonico, piccolo borgo affascinante. Siamo oramai nell’Alto Lago, dove regna la tranquillità; mi fermo ad ammirare i colorati palazzi di Dongo e poi la splendida Gravedona, con due capolavori: la chiesa romanica di Santa Maria del Tiglio e Palazzo Gallio. Infine ecco Domaso, con le belle case con porticati e negozi affacciati sul lago.

 

4. Il mio consiglio

Vista sul Lago di Como da Palazzo Gallio a Gravedona
L’eccezionale vista da Palazzo Gallio a Gravedona

Se abiti in Lombardia o nelle regioni contigue, la scelta è ovvia: prendi la tua macchina e avventurati a visitare il Lago di Como in auto. Ma se arrivi da lontano come devi organizzarti? Sia che giungi in aereo, sia che arrivi in treno a Milano, io consiglio di noleggiare un’auto con Discover Cars. Questa piattaforma aiuta a prenotare un’auto da noleggiare grazie ai numerosi fornitori, garantendo prezzi buoni ed offerte speciali. Inoltre trovi un punto di ritiro dell’auto vicino ad ogni luogo di arrivo: lo trovi all’aeroporto di Bergamo, all’aeroporto di Linate, al grande aeroporto di Malpensa e pure accanto alla Stazione Centrale di Milano. Il servizio è veloce e affidabile, utilizzato già da 4 milioni di utenti. Anche io uso Discover Cars quando ho bisogno di un’auto nei miei viaggi.

 

Spero che il mio articolo ti possa aiutare a visitare il Lago di Como in auto; è un luogo meraviglioso d’Italia e bisogna andarci almeno una volta nella vita.
Se hai domande lascia un commento oppure dimmi che ne pensi; mi segui già sui social ? 🙂
Scopri qui le altre bellezze del Lago di Como, zona per zona.

 

Condividi:

2 pensieri su “Visitare il Lago di Como in auto: i miei consigli

  1. Felicia

    Ho la fortuna di avere un’ amica che vive lì e sono riuscita a visitarlo già 3 volte, ma ci tornerei sempre.
    Complimenti per l’ articolo!

    1. Srake

      Idem per me: è sempre un luogo che mi rilassa e mi sorprende sempre con la sua bellezza. Fammi sapere quando ci tornerai che magari ti do qualche consiglio. Grazie mille!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.